hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Wednesday, October 17, 2007

Lezione sull'erotismo



Che cos'è l'erotismo? È un principio vitale della storia del mondo.
Tutte le civiltà della terra hanno custodito la propria identità religiosa, politica, artistica in un'idea di erotismo. In quest'idea si può apprendere il significato dei comportamenti di un popolo, la loro concezione del vero,del giusto,del bello.­
L'erotismo viene perciò considerato un principio d'interpretazione universale e non una funzione finalizzata a uno scopo specifico come la procreazione o il piacere.
Come possiamo comprendere questo principio universale che chiamiamo erotismo? Attraverso i suoi simboli, i suoi miti,i suoi riti.
Nella nostra tradizione cristiana, la simbologia del­l'amore ci è originalmente nota attraverso il "Cantico dei cantici" e per l'interpretazione che ne venne data dai mistici cristiani cui San Giovanni della Croce.
L'amore dello Sposo e dell'Amata rappresenta simbolicamente quello tra Jahvè e Israele, o fra Cristo e la Chiesa, o fra Dio e anima universale.
L'eros-l'amore- è considerato una potenza che realizza l'unione seguendo­ una specifica ritualità. È, ad esempio della forma rituale in cui è avvenuta la prima ierogamia,cioè l'abbraccio del Cielo e della Terra, da cui sono nati tutti gli esseri viventi.
Nell'erotismo è sempre presente il segno dell'armonia e della riuni­ficazione degli opposti che ogni civiltà rappresenta con proprie simbologie e ritualità.
Queste brevi osservazioni possono fornire qualche indi­cazione per capire cosa sia l'erotismo e quale sia l'idea filo­sofica che in esso si cela. Ma, nel nostro moderno Occiden­te, nella realtà della vita quotidiana l'erotismo possiede ancora questo significato universale, questo valore inter­pretativo essenziale? Prendiamo in considerazione l'im­magine moderna dell'erotismo rappresentata dalla figura di Don Giovanni. Il suo mito evoca un erotismo che vuole liberarsi da ogni ostacolo, da ogni convenzione morale e religiosa che impediscono la possibilità di acquisire il mas­simo piacere erotico. Don Giovanni è il simbolo di un ero­tismo che sfida la società del suo tempo -la Spagna del XVI secolo - per questo il suo comportamento è spregiudicato, trasgressivo, spesso volgare. Esprime nel modo più sempli­ce un erotismo che si è laicizzato, che ha perso i suoi valori sacrali: le sue simbologie, le sue ritualità sono assoluta­mente profane, circoscritte alla dimensione mondana del godimento intenso, rapido e presto dimenticato.
L'erotismo moderno è contraddistinto da questo abban­dono delle originarie simbologie e ritualità connesse a una visione sacra dell'esistenza. Esse si semplificano in un senso mondano e profano, e la laicità della vita tende a dissolvere la dimensione mitica dell'eros. Questa perdita o dimenticanza o distruzione della ricchezza simbolica, rituale,mitica fanno dell'erotismo moderno un puro esercizio della sessualità,considerata come qualcosa fine a se stessa,puro piacere,godimento­...

copiato dalla prefazione di Stefano Zecchi al libro "Eros-sei porte per la scienza d'amore"

3 comments:

Alex said...

Devo dire che condivido quanto scritto in questa prefazione.

Oggi abbiamo perso il senso vero dell'erotismo in nome di un concetto di "sexy" che è esattamente l'opposto, è solo la trsposizione di un gesto emcacnico come obiettivo e cnon come mezzo.

Interessante direi, ci ho fatto un post ieri

Ciao

Alex

Hanna said...

L'ho pubblicato apposta,per riflettere.Se invece di dire che oggi abbiamo sfasato l'idea...bla,bla..
non si potrebbe dire che tutto si evolve?
Nel 3 milennio mica vado paragonare l'eros all'abbraccio del cielo con la terra.
Avendo a disposizione chat,vita virtuale,lifecasting,il concetto di eros cambia,non c'è nemmeno tanta ritualità,anzi a scrivere "eros" su web diventa a volte vergognoso e controproducente...

Classici Proibiti said...

Proprio così: erotismo come segno e luogo di contraddizioni, di simbologie che mutano, con un'origine sacrale che si è via via secolarizzata e profanata nel corso del tempo, perdendo il suo valore originario.

Eppure, ancor oggi l'erotismo, e al limite anche la pornografia, possono essere strumento ed espressione di una corporeità e di un piacere liberati (fosse pure in modo solo illusorio) dai vincoli moralistici e dall'oppressione alienante della società con le sue convenzioni.

http://classiciproibiti.blogspot.com