hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Saturday, October 27, 2007

Non si può vivere che da come si é /skype storie

SkypeMe,
il raccontarsi a vicenda

hanna - ecco stati d'essere umano: desto,lento,beato,molesto,vano,appaiato,morto e...rinato
le prophète - ora: steso, letto, febbrile...
hanna - non riuscirai morire di ciò
le prophète - grazie della precisazione.
hanna - a genova c'è ancora libera la soffitta ove nietzsche guariva le sue emicranie e il mondo
le prophète - e la berberova?
hanna - é troppo morta
le prophète - forse meglio un vikhram seth?
beh ..in fondo al soggiorno quel bel casorati fa sempre la sua porca figura....
- non è in catalogo ..ma autentico
hanna - babbo o figlio?
le prophète - babbo, 1964 o giù di li
hanna - ci scommettevo....io adoro il figlio, cioè i suoi infantili
ora pero' sono a livello di allende, ricette!!! sessuali


Felice Casorati RadioRai




le prophète - avanti! racconta
hanna - un ombra guardata dal buco di serratura assume la forma del buco o dell'occhio che guarda? (vede)
amore condiviso ne dimezza il valore o lo raddoppia?
le prophète - raddoppiaaaaaaa
- no...
- forse...
- no...
- anzi....
- dimezza..
hanna - visto che mi piace amare senza consenso!
le prophète - infatti
- hai ragione, non v'è paragone
- l'amore ricambiato diviene banale
hanna - gia vissuto,vero?
le prophète - non comprendi?
hanna - cosa !? amare in silenzio?
o casorati?
le prophète - la declamazione del silenzio di casorati
hanna - meglio di chiunque, tant'é vero, tutti suoi dipinti stanno muti
- la sai la differenza essenziale tra noi ?
le prophète - è difficile il concetto?
differenza per sottrazione?..
hanna - sei erudito......
"quello che so io, può saperlo chiunque, ma il mio cuore lo posseggo solo io" - goethe....tu sai citare e parafrasare..memoria ..acculturamento ,..ma sai anche a inventarti?
- una filosofia tua? un'emozione non poggiata
- non documentarti in continuo?
le prophète - vedila così..
io da piccolo guardo il sole in mezzo ad un campo attraverso la paglia di un cappello
è giugno il grano è dorato e abbattuto,
solo, dove mi sono disteso.nessuno mi può vedere...
hanna - ed io da grande vado in mezzo ai campi ad annusare i falò d'autunno
le prophète - poi i puntini di luce che filtrano si avvicinano..
sempre di più...
hanna - e so fare anche la cretina
le prophète - e si uniscono con la focalità all'infinito e ..senza accorgermene fisso il sole...lo fisso a lungo estasiato...lo fisso ormai senza cappello..
hanna - e diventi ceco
le prophète - gli occhi non si chiudono più.... quando qualcuno mi riportò a casa non vedevo, non vidi per alcuni giorni..
hanna - io amo il mio dolore..
le prophète - piano piano ritornò il buio la luce i sorrisi di mia mamma
dopo molte cure mi diedero per guarito...cosa che sono.
ma la piccola filosofia che rimane nel cuore...
hanna - che ora scruti anime col cappello
le prophète - è quella del sapere, quanto può essere utile un cappello
o di ricordare che le esperienze hanno sempre un valore ..che è sempre relativo.
e che la propria vita cambia, volendo tra 3 minuti
hanna - io sapendo di morire tra 3 minuti farei esattamente ciò che faccio ora
le prophète - io sono di formazione nietzschiana...
hanna - io musiliana, l' ho personalizzata poi
le prophète - sinonimi approssimativi
io vorrei o la spersonalizzazione e la metamorfosi kantiana...qui ora
in fondo ...una mosca?
una zanzara..cosa sono io per te?
e di te poi non si sa nulla
hanna - da che parte di Kant stai? prima o dopo?...
non condivido più la mia vita
le prophète - sapere cos'è..
- ch'è sempre un dovere inaspettato... ma... eheeheh
hanna - il bambino che sfidò il sole e vinse!

4 comments:

Vincenzo said...

Dici: “mi piace…mercatini delle pulci,luoghi del tempo passato”. Citi: Vikram Seth, la melancolica Berberova. Un’oscillazione fra esistenzialismo e decadentismo, l’amore per la parola forbita, densa pregnante, che deve (per te imperativo categorico?) colpire con la sua ricercatezza ed essenzialità. Chi ama il proprio dolore ama forse anche “le cose che potevano essere e non furono mai?”. Chi sei ?

Hanna said...

TORNO SUBITO...

Vincenzo said...

la ho linkata su
http://var-scuolaecultura.blogspot.com/

Hanna said...

Vincenzo!
grasie!
così essendo hai dato valore al mio blog, quello giusto quello che intimavo,
solo che devi tenere presente livello culturale ed anticipazioni dei frequentatori o lettori...ci hai pensato?
lo sai che 80% delle persone non lasciano manco un commento, seppur hano passato una nottata a leggere le mie chat history...
si vergognano troppo a lasciare la traccia, avendolo preso da quel lato spicciolo che salta a occhio ignorante...pazienza,
La stimo una fortuna esagerata di averti conosciuto!