hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Thursday, April 17, 2008

Racconti erotici di Miller Henry - traduzione inglese

"Tania è come Irene, s'aspetta lunghe lettere. Ma c'è un'altra Tania, una Tania che è come un grosso seme che sparga polline ovunque; o, se vogliamo, un pezzetto di Tolstoj, la scena della stalla e del feto dissotterrato. Ma è anche una febbre, Tania; les voies urinaires, Café de la Liberté, place des Vosges, cravatte sgargianti sul boulevard Montparnasse, stanze da bagno buie, Porto sec, sigarette Abdullah, l'adagio della Patetica, amplificato­ri auricolari, seni color terradisiena bruciata, giarrettiere pesan­ti, che ore sono, fagiani dorati col ripieno di castagne, dita di se­ta, crepuscoli vaporosi che tendono all'elce, acromegalia, cancro e delirio, veli caldi, gettoni da poker, tappeti di sangue e cosce morbide. Tania dice, in modo che tutti sentano: «Lo amo!». E mentre Boris si brucia con il whisky, dice: «Siedi qui! Oh, Bo­ris... la Russia... Cosa farò? Ne scoppio!».
Se di notte guardo e vedo, sul cuscino accanto, la barbetta ca­prina di Boris, divento isterico. Oh Tania, dove sono ora la tua fica calda, le tue giarrettiere unte, pesanti, le tue cosce morbide, piene? C'è l'osso, nei miei venti centimetri di cazzo. Ti stiro tutte le grinze della fica, Tania, gonfia di seme. Ti rimando a casa, dal tuo Sylvester, col mal di pancia e l'utero rovesciato. IL tuo Sylvester! Sì, lui sa accendere il fuoco, ma io so infiammare una fica. Ti sparo in corpo frecce roventi, Tania, ti faccio le ovaie incande­scenti. Un po' s'ingelosisce, ora, il tuo Sylvester? Sente qualcosa, vero? Sente la traccia del mio gran cazzo. Ho slargato un poco le due rive, ho stirato le grinze. Dopo di me, potrai ricevere stallo­ni, tori, arieti, anatre, sanbernardi. Ti potrai ficcare nel retto rospi, pipistrelli, lucertole. Potrai cacare arpeggi, se vuoi, accor­darti una cetra sull'ombelico. Io ti chiavo, Tania, in modo che tu resti chiavata. E se temi di farti chiavare in pubblico, io ti chiaverò in privato. Ti strapperò un pelo dalla fica e lo appiccicherò al mento di Boris. Ti morderò la clitoride e sputerò ficoni da due franchi...


TRADUZIONE INGLESE:

Tania is like Irène. She expects fat letters. But there is another Tania, a Tania like a big seed who scatters pollen everywhere – or, let us say, a little bit of Tolstoy, a stable scene in which the fetus is dug up. Tania is a fever, too – les voies urinaires, Café de la Liberté, Place des Vosges, bright neckties on the Boulevard Montparnasse, dark bathrooms, Porto Sec, Abdullah cigarettes, the adagio sonata Pathétique, aural amplificators, anecdotal seances, burnt sienna breasts, heavy garters, what time is it, golden pheasants stuffed with chestnuts, taffeta fingers, vaporish twilights turning to ilex, acromegaly, cancer and delirium, warm veils, poker chips, carpets of blood and soft thighs. Tania says so that every one may hear: "I love him!" And while Boris scalds himself with whisky she says: "Sit down here! O Boris … Russia … what'll I do? I'm bursting with it!"
At night when I look at Boris' goatee lying on the pillow I get hysterical. O Tania, where now is that warm cunt of yours, those fat, heavy garters, those soft, bulging thighs? There is a bone in my prick six inches long. I will ream out every wrinkle in your cunt, Tania, big with seed. I will send you home to your Sylvester with an ache in your belly and your womb turned inside out. Your Sylvester! Yes, he knows how to build a fire, but I know how to inflame a cunt. I shoot hot bolts into you, Tania, I make your ovaries incandescent. Your Sylvester is a little jealous now? He feels something, does he? He feels the remnants of my big prick. I have set the shores a little wider. I have ironed out the wrinkles. After me you can take on stallions, bulls, rams, drakes, St. Bernards. You can stuff toads, bats, lizards up your rectum. You can shit arpeggios if you like, or string a zither across your navel. I am fucking you, Tania, so that you'll stay fucked. And if you are afraid of being fucked publicly I will fuck you privately. I will tear off a few hairs from your cunt and paste them on Boris' chin. I will bite into your clitoris and spit out two franc pieces…

da "Tropico del Cancro" di Henry Miller

Tag:

No comments: