hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Friday, April 11, 2008

Sonetto 130 di Shakespeare tradotto

Sonnet 130
My mistress' eyes are nothing like the sun;
Coral is far more red than her lips' red.
If snow be white, why then her breasts are dun;
If hairs be wires, black wires grow on her head.

I have seen roses damasked, red and white,
But no such roses see I in her cheeks;
And in some perfumes is there more delight
Than in the breath that from my mistress reeks.

I love to hear her speak, yet well I know
That music hath a far more pleasing sound.
I grant I never saw a goddess go:
My mistress when she walks treads on the ground.

And yet, by heaven, I think my love as rare
As any she belied with false compare.



TESTO ORIGINALE:

My Mistres eyes are nothing like the Sunne,
Currall is farre more red,then her lips red,
If snow be white,why then her brests are dun:
If haires be wiers,black wiers grow on her head:
I haue seene roses damaskt,red and white,
But no such roses see I in her cheekes,
And in some perfumes is there more delight,
Then in the breath that from my Mistres reekes.
I loue to heare her speake,yet well I know,
That Musicke hath a farre more pleasing sound:
I graunt I neuer saw a goddesse goe,
My Mistres when shee walkes treads on the ground.
And yet by heauen I thinke my loue as rare,
As any she beli'd with false compare.


Sonetto 130 / traduzione hanna filo

Nulla del sole hanno gli occhi della mia bella,
Delle sue labbra il più rosso è corallo,
Se la neve è bianca, i suoi seni sono grigi,
Se i capelli sono crini, neri crini crescono sul suo capo.

Ho visto rose screziate, bianche e rosse,
Quelle rose così, mai vedo sulle sue gote;
E in certi profumi c'è assai più delizia,
Rispetto al fiato, ch'esala la mia amante.

Adoro sentire la sua voce, ma so bene
Che la musica ha un molto più piacevole suono.
Ammetto, non ho mai visto camminare una dea,
Ma i passi della mia bella, calpestano terra.

Ma in nome del cielo, cosi raro stimo mio amore,
Come qualsiasi falsamente decantata donna.

12 comments:

RobinHood said...

Che dire...l'amore è cieco!
scherzo...baci Hanna
RobinHood

giadatea said...

siamo tutte dee per qualcuno, ed è bello esserlo

Lyn2x said...

Hi Hanna How's blogging here..Just dropping by

joy said...

Hello my friend wish you happy holiday

HANNA said...

Hey ragga';)
Buon week-end a tutti!

@Giadatea
il punto è che Willy non ha mai visto passare una dea, quindi s'accontenta...
diversamente detto = cerchi di collocare il tuo amore nell'ambiente in cui vivi, no?
ami con i tuoi mezzi a disposizione, no?
cerchi di scoprire te stesso proiettandoti su un schermo, no?
se la bella di William fava pena, in lui esaltava un senso samaritano, no'

Claudia said...

Mi piace l'argomento dal tuo blog. Vuoi visitare il mio?
Potresti aiutarmi tanto. Ciao.

Melina2811 said...

Con l'inglese vado male..... Ciao da Maria

Anonymous said...

la traduzione è sbagliatissima !!!!

HANNA said...

nessuna traduzione di poesie è "giusta"..può essere buona, migliore, eccezionale, ma mai riflette perfettamente il testo originale...e se sei tanto smart, scrivimi una più buona, eh'

Anonymous said...

bhe ke dire shakespeare era famoso per farci incantare ogni volta ke leggiamo e vediamo una sua opera e cm sempre anke sta volta ci è riuscito !! =)
by by da
Lovvy ...<3

Freddy said...

Traduzione illeggibile, poesia stupenda

Anonymous said...

Credo di essere omosessuale