hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Thursday, May 8, 2008

Amore secondo Leopardi

AMORE

Chi più si ama meno può amare. /lo credo sbagliato/

L'unica fonte di piaceri è l'amor proprio; e... questo amor pro­prio in ultima analisi si risolve o in ambizione o in sentimento.

(Amore) rarissimamente congiunge due cuori insieme... perché la felicità che nasce da tale beneficio, è di troppo breve interval­lo superata dalla divina.

L'amore, anche profondo e disperato, è sempre dolce. /stronzate/

Dobbiamo tenere per assioma matematico che non v' è né vi può esser donna degna di essere amata da vero./direi che è il maschio mai degno d'amore di una donna/

L'amore non è governato dalla ragione.

Veramente non so qual migliore occupazione si possa trovare al mondo, che quella di fare all'amore, sia di primavera e d'autun­no; e certo che il parlare a una bella ragazza vale dieci volte più che girare, come io fo, attorno all' Apollo di Belvedere o alla Venere Capitolina.

Nell'amore, ch'è lo stato dell'anima il più ricco di piaceri e d'illusioni, la miglior parte, la più dritta strada al piacere, e un'ombra di felicità, è il dolore.

I migliori momenti dell'amore sono quelli di una quiete e dol­ce malinconia dove tu piangi e non sai di che, e quasi ti rassegni riposatamente a una sventura e non sai quale. In quel riposo la tua anima meno agitata, è quasi piena, e quasi gusta la felicità.

Il vantato amor platonico, sì sublimemente espresso nel Fedro,non è che pederastia./si dice così anche di T.Mann in "Morte a Venezia", ma sono solo delle elucubrazioni/

Il tale negava che si potesse amare senza rivale. E domandato perché, rispondeva: "Perché sempre l'amato o l'amata è rivale ardentissimo dell'amante (del proprio amante)".

Quando l'uomo concepisce amore tutto il mondo si dilegua dagli occhi suoi, non si vede più se non l'oggetto amato, si sta in mezzo alla moltitudine alle conversazioni ec. come si stasse in solitudine, astratti e facendo quei gesti che v'ispira il vostro pensiero sempre immobile e potentissimo senza curarsi della maraviglia né del disprezzo altrui, tutto si dimentica e riesce noioso ec. fuorché quel solo pensiero e quella vista. Non ho mai provato pensiero che astragga l'animo così potentemente da tutte le cose circostanti, come l'amore, e dico in assenza dell' oggetto amato, nella cui presenza non accade dire che cosa avvenga, fuor solamente alcuna volta il gran timore che forse gli potrà essere paragonato.

lo non ho mai sentito tanto di vivere quanto amando, benché tutto il resto del mondo fosse per me come morto. L'amore è la vita e il principio vivificante della natura, come l'odio il princi­pio distruggente e mortale. Le cose son fatte per amarsi scam­bievolmente, e la vita nasce da questo. Odiandosi, benché mol­ti odi sono anche naturali, ne nasce l'effetto contrario, cioè di­struzioni scambievoli, e anche rodimento e consumazione in­terna dell' odiatore.

Amabile no pare e no è, se non quegli che lusinga, giova ec. l'amor proprio degli altri.

Pesa molto l'odio che l'amore degli uomini, essendo quello molto più operoso. Qui si fermerebbero gli psicologi moderni, lasciando di cercare il principio di questa differenza, ch'è manifestissimo, cioè l'amor proprio. Giacché chi segue il suo odio fa per sé, chi l'amore per altrui, chi si vendica giova a sé, chi benefica, giova altrui, né alcuno è mai tanto infiammato per giovare altrui quanto a sé.


Osservate che tutto quanto si dice dell'amore proprio si deve intendere dell'amor della felicità, ch'è tutt'uno. E però la misu­ra, la forza, l'estensione, le vicende, gl'incrementi, gli scema­menti, tanto individuali che generali, dell'uomo di questi amo­ri, son comuni all'altro né più né meno.


Tag: , ,

3 comments:

Chuck said...

Good to see you again, Hanna. Have a great weekend! *Lots of Lov'n*

Shinade said...

Hanna,
Just checking links!! Come see!!

http://shinade.blogspot.com/2008/05/le-goose-du-pastel.html

Ciao:-)Sheshhhh....hope I spelled that correctly.

I am already studying another language.
Hugs,
Jackie

Anonymous said...

Dobbiamo tenere per assioma matematico che non v' è né vi può esser donna degna di essere amata da vero./direi che è il maschio mai degno d'amore di una donna/
Commento un po' femminista