hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Friday, May 9, 2008

La fottuta all'inglese di Domenico Tempio

Domenico Tempio detto Micio Tempio (Catania, 22 agosto 1750 – 4 febbraio 1821) considerato il maggiore poeta riformatore siciliano, fu conosciuto e apprezzato dai contemporanei e presto dimenticato: per tutto il XIX secolo fu censurato e bollato come poeta pornografico, prendendo spunto solo da una parte dei suoi componimenti. Dopo la seconda guerra mondiale si rivalutò la sua opera.
Tempio è ora considerato un poeta libero che usa tutti i suoi mezzi per smascherare le falsità e gli inganni della società. Le sue opere spaziano dall'esaltazione dell'operosità dell'uomo alla critica alla chiesa, dalla contemplazione della natura alla critica dell'ignoranza.


La futtuta all'inglisa

di Domenico Tempio

Nici, mi vinni un nolitu
di futtiri all'inglisa;
già sugno infucatissimu:
guarda chi minchia tisa!

Lu gustu è insuppurtabili,
li tasti non discordi:
in chistu modu futtinu
li nobili milordi.

La sorti è già propizia
semu suli suliddi;
stanotti avemu a futtiri l
i gigghia e li capiddi.

A manu a manu curcati;
lu lettu è già cunzatu,
non cci haju chiù pacenzia,
pri mia sugnu spugghiatu.

Veni ccà, figghia! Curcati!
Spinciti tanticchiedda;
li to labbruzza dunami,
dammi nna vasatedda.

Nici, fa prestu; dunami
sta duci to linguzza;
ntra la mia vucca trasila,
facemu la sirpuzza.

Sti cosci toi, sti natichi
sunnu nna vera tuma;
li minni su' dui provuli,
chiù bianchi di la scuma.

Ma senza tanti chiacchiari,
futtemu allegramenti;
non servi accussì perdiri
st'amabili momenti.

Mettiti a facci all'aria,
chista è la forma arcana;
li bianchi cosci gnuttica
a modu di nna rana.

Supra li mei claviculi
posa li toi manuzzi,
e a li mei cianchi strinciti,
ed iu a li to spadduzzi.

Chi vera matematica!
Chi calculu profunnu!
Oh, comu si combacianu
lu cazzu ccu lu cunnu!

Ma già serruli serruli
la virga s'introduci,
e mentri trasi s'eccita
lu gustu lu chiù duci.

Comu s'abbassa l'utero
sinu all'imboccatura,
chi brama di sucarisi
l'umana rennitura!

Dunca futtemu nsemula,
iu fricu e tu cazzii;
fammi sautari all'aria
finu ca ti nichii.

Va, veni, Nici; baciami,
cazzia... mi veni... è lestu;
già mi currumpu, strincimi,
abbrazza, futti prestu!

Eccu chi cadi sazia
la minchia a passuluni;
la testa posa languida
pri supra li cugghiuni.

Sacciu chi è to lu geniu
quannu la minchia è muscia!
Forsi pirchì rallentasi
a guisa d'una truscia?

Te', ccu dui jita pigghiala
e fanni chi nni voi;
a lu to sticchiu adattala, f
ricala quantu poi.

Ma già rinviguriscinu
li musculi e rutturi;
lu cazzu arreri fulmina
di futtiri a fururi.

Senza chiù tempu perdiri,
mettiti arreri a lenza;
te', st'autra vota pigghiati
stu restu di simenza.

Cazzu! Chi beddu futtiri,
chi gustu prelibatu!
Chistu è lu veru futtiri:
l'Inglisi sia lodatu!

frau und mann-schielefrau und mann-schiele


La fottuta all'inglese.
(Versione di Massi­mo Jevolella)

Nici, mi venne voglia
di fottere all'inglese,
già sono infuocatissimo:
guarda che cazzo teso!
La brama è insopportabile,
gli attrezzi non discordi:
in questo modo fotto­no
i nobili milordi.
Propizia è l'occasione,
siamo soli soletti;
stanotte dobbiam fottere
le ciglia ed i capelli.
Piano pianino stenditi,
il letto è preparato,
mi scappa la pazienza,
mi sono già spogliato.
Vieni qua, figlia, stenditi!
muoviti un pochettino,
dammi le tue labbruzze,
regalami un bacino.
Nici, fa' presto, dammi
la dolce tua linguetta,
nella mia bocca mettila,
faccia­mo serpicella.
'Ste cosce tue, 'ste natiche
sono una formaggella,
le tette son due provole
più bianche della schiuma.
Ma senza tante chiacchiere
fottiamo allegramente;
non serve così perdere
'sti amabili momenti.
Mettiti a faccia all'aria,
questa è la forma arcana;
le bianche cosce allarga
al modo d'una rana.
Sopra le mie clavicole
posa le tue manine,
avvinghiati ai miei fianchi,
ed io alle tue spalline.
Che vera matematica,
che calcolo profon­do!
O, come si combaciano
il cazzo con la figa!
Ma già nel serra serra
la verga s'introduce,
e nell'entrare s'eccita
il gusto più soave.
Come s'abbassa l'utero
fino all'imboccatura
bramo­so di succhiarsi
l'umano distillato!
Dunque fottiamo insieme,
io sfrego e tu lo sbatti;
fammi saltare in aria
finché non ne sei piena.
Va, vieni, Nici; baciami,
sbattilo... viene... è lesto;
non mi trattengo, stringimi,
abbraccia, fotti presto!
Ecco che cade sazio
il cazzo a penzoloni;
la testa posa languida
nel mezzo dei coglioni.
So che sei tu a riprenderti
quando la minchia è mo­scia!
Forse perché è spossata
forse perché s'affloscia?
Tie', con due dita pigliala,
fanne quel che ne vuoi,'
alla tua figa adattala,
menala quanto puoi.
Ma già rinvigoriscono
i muscoli e il moto­re;
di nuovo il cazzo smania
di fottere a furore.
Senza più tem­po perdere,
mettiti in posizione;
tie', un 'altra volta pigliati
'sto resto di semenza.
Cazzo! che bel chiavare,
che gusto prelibato!
È questo il vero fottere:
l'inglese sia lodato!

3 comments:

Dario D'Angelo said...

Il grande Micio :-) ho lasciato giù alcune cose sue... difficile che le ritrovi qui al profondo nord :-)

:-*

HANNA said...

Dario!
mai avrei detto che nel 1700 usava termini del genere!
Scusa, non faresti Tu una traduzione migliore?
;)

Dario D'Angelo said...

La Sicilia è terra stramba :-) comunque Tempio non fu l'unico italiano a cercare di spezzare la lunga ipocrisia controriformatrice... con il risultato di veder cadere nel dimenticatoio la sua opera maggiore :-(

ps non riuscirei meglio :-)