hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Monday, June 30, 2008

Il bene e il male, tra Nietzsche e Musil

Frammento de L'UOMO SENZA QUALITA' :
Chi può interessarsi ormai delle chiacchiere millenarie sul bene e sul male, quando s'è trovato che non si tratta di «va­lori costanti» ma di «valori funzionali », cosi che la bontà delle opere dipende dalle circostanze storiche e la bontà degli uomini dall'abilità psicotecnica con la quale si sfruttano le loro capacità. Il mondo è semplicemente buffo se lo si considera dal punto di vista tecnico; privo di praticità in tutti i rapporti umani, estrema­mente inesatto e antieconomico nei metodi; e chi è abituato a sbri­gare le proprie faccende col regolo calcolatore non può ormai pren­dere sul serio una buona metà delle asserzioni umane. Il regolo calcolatore consta di due sistemi di numeri e di lineette combinati' con straordinaria accortezza: due tavolette scorrevoli verniciate di bianco, a sezione trapezoidale piatta, mediante le quali si risolvono in un baleno i più intricati problemi, senza sciupare inutilmente un solo pensiero; è un piccolo simbolo che si porta nella tasca del panciotto e si sente come una riga dura e bianca sul cuore. Quan­do si possiede un regolo calcolatore, e arriva qualcuno con gran­di affermazioni e grandi sentimenti, si dice: «Un attimo, prego, prima calcoliamo il limite d'errore e il valore probabile di tutto ciò! »
Quest'era senza dubbio una raffigurazione efficace dell'ingegne­ria. Essa costituiva la cornice di un affascinante futuro autoritratto che rappresentava un uomo dai lineamenti energici, con una pipa fra i denti, un berretto sportivo in testa e splendidi stivali alla scu­diera, in viaggio tra Città del Capo e il Canadà per realizzare gran­diosi progetti della sua azienda. Fra un affare e l'altro si può anche trovare il tempo di ricavare dal pensiero tecnico qualche idea per organizzare e governare il mondo, o di formulare massime come quella di Emerson, che dovrebbe esser scritta sulla porta di ogni officina: «Gli uomini passano sulla terra come profezie del futu­ro, e tutte le loro azioni sono prove e tentativi, perché ogni azio­ne può essere superata dalla successiva ».
Robert Musil-Der Mann ohne Eigenschaften
Two Squatting Men Double Self Portrait-SchieleTwo Squatting Men Double Self Portrait-Schiele

"il bene e il male sono membri di una funzione non i valori scetticamente relativi"
F.W.Nietzsche-Al di là del bene e del male
E' vero, in quel libro il grande pensatore ci invita al superamento di tutte le morali. Non dice però che bisogna farne a meno o che bisogna vivere senza valori morali.
Non esistono morali valide per sempre e in ogni caso, tutte sono oltrepassabili, è però impossibile farne a meno. Non esiste infatti una tavola fissa di valori, ma questo non significa che sia venuta meno la distinzione tra bene e male. Al contrario, tale distinzione è necessaria per condursi nella vita. Solo i criminali vivono facendo a meno di riferimenti morali. Il superamento evocato da Nietzsche costringe l'uomo ad essere fondatore di morali, e trasformarsi in legislatore. L'uomo incapace di morale e di darsi delle regole non è uomo riuscito. Uomo riuscito è chi è capace di legge: che è a se stesso norma e, perciò, modello per gli altri.
Scusate, secondo quale criterio costruiamo le leggi e le regole di buona convivenza?

9 comments:

Relax Max said...

Caro Hannah: Nessun'offesa, il mio caro - sapete molto bene che ti amo caro - ma state bevendo questa fine settimana? Ciò non ha significato affatto. Ma allora, sapete che il vostro Maxie è un cane piccolo molto stupido, destra?
Alti sobri e venuto lo vedono. Sono felice quando mi cadete le schede e dite le cose silly sulla mia scatola di chiacchierata. :)

BillyWarhol said...

I just placed another EntreCard Ad to Squat on yer Blog Hanna*******

;)) xoxo Peace*

Dario D'Angelo said...

Ciao Hanna, riesci sempre a sorprendermi e non so mai cosa aspettarmi quando vedo apparire un tuo nuovo post :-)
Belli questi rimandi e queste riflessioni :-)

Dario

hanna said...

bene Maxie!
vengo bere stasera!

@Billy!
Toh! No maximum price!
ale ale....

@Dario!
sono una diva eclettica..
tutto mi interessa, mi preme tutto...
sono in giro di Europa, ogni tanto mi attacco a internetpoint e cerco di buttar giu qualcosa..
auguri di buone vacanze!

Max said...

Ciao Hanna,

La differenza tra il bene ed il male la portiamo con noi da che siamo nasciuti (la nostra anima porta con se una quantità di conoscenza incommensurabile, che dopo che cadiamo nella terra scegliamo quale informazione vogliamo mantenere e di quale ci libereremo).

Gli uomini hanno cercato di fare delle leggi come forma di controllare tutta la società; ed è giustíssimo che così sia perchè gli esseri umani hanno bisogno d'essere controllati, d'essere sotto stretta sorveglianza perchè gli umani non sanno come vivere nel caos, non sanno vivere senza delle regole in quanto da dove veniamo tutti impera l'ordine, l'equilibrio...quindi la legge é un tentativo di portare qui l'ordine esistente la "giù"!

Magnifico post, caríssima!!

Ti auguro un buoníssimo weekend :D!

Baci ed abbracci

ildoppio said...

La costruzione di leggi e regole è una questione di tecnica e la tecnica non è mai a servizio del bene o del male. Al contrario bene e male si confondo l'uno nell'altro rendendosi alternativamente utili all'attuazione della tecnica.
Ogni azione, buona o cattiva che sia, è un tentativo il cui valore sta nella riuscita: il bene e il male sono superati dal concetto di efficacia.

www.bookerang.it/library/ildoppio

enzorasi said...

Fra bene e male non sono mai riuscito a scegliere definitivamente...Ho trovato mali assoluti rivestiti di succulente glasature di zucchero candito. Ho parlato di te da me, ho cercato di me da te.

Mariuca said...

ALAKAZAM!!! The genies are back, and this time, we have the Magic Lamp of Luck for you! :)

michaelwong38@gmail.com said...

Hi Hanna, thanks for commenting on my blog. Would you like to exchange blog roll links with me? Cheers, your friend michael