hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Monday, July 28, 2008

Il poeta parla al telefono con il suo amore


El poeta habla por telefono con el amor
/Garcìa Lorca/

Tu voz regò la duna de mi pecho
en la dulce cabina de madera.
Por el sur de mis pies fue primavera
y al norte de mi frente flor de helecho.

Pino de luz por el espacio estrecho
canto sin alborada y sementera
y mi llanto prendio por vez primera
coronas de esperanza por el techo.

Dulce y lejana voz por mì vertida.
Dulce y lejana voz por mì gustada.
Lejana e dulce voz amortecida.

Lejana como oscura corza herida.
Dulce corno un sollozo en la nevada.
Lejana y dulce en tuétano metida!


Il poeta parla al telefono con il suo amore

La tua voce irrigò la duna del mio petto
nella dolce cabina di legno.
Al sud dei miei piedi fu primavera
e fiore di felce al nord della mia fronte.

Pino di luce nello spazio angusto
cantò senza alba e seme,
e il mio pianto intrecciò per la prima volta
corone di speranza attraverso il tetto.

Dolce e lontana voce in me diffusa.
Dolce e lontana voce da me gustata.
Lontana e dolce voce affievolita.

Lontana come opaca capriola ferita.
Dolce come un sospiro nella neve.
Lontana e dolce nel midollo iniettata!

1 comment:

Max said...

Ciao Hanna,

Fantastico! E la traduzione sta magnifica, caríssima!

Senti, starò off blogging durante 15 giorni...parto in mini-vacanze.

Ti auguro un buon weekend, bella!

Baci