hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Friday, June 19, 2009

Informazioni e foto d'arte di Patrizia D'Addario aka Brummel

PATRIZIA D'ADDARIO aka BRUMMEL, LA SQUILLO DI LUSSO O TOP ESCORT ,
nata il 17 febbraio 1967 a Carbonara, single, ha una figlia di 13 anni.
Patrizia D’Addario è sempre accompagnata, anche in auto, da una signora anziana. Una sorta di tuttofare. Situazione familiare complicata: avrebbe perso il padre, pare abbia sofferto molto per un fratello e per poca stima: in molti, tra vicini e conoscenti, la definiscono una «da prendere con le pinze». Di certo, i suoi annunci, fino a qualche anno fa, li stampavano su un quotidiano locale: ha ammesso lei stessa, agli inquirenti, e in tempi non sospetti, d’aver lavorato a lungo come prostituta.
patrizia daddario escort di lussoVerbali su verbali. Poi s’è candidata con il Pdl, alle elezioni comunali, e ha dichiarato d’essere stata introdotta alla politica da un nipote della famiglia Matarrese, ovvero Tato Greco, che però smentisce. Carattere fragile ma determinato, di botte ne ha prese parecchie, da chi la sfruttava negli anni passati. Chi la conosce racconta di lacrime sempre pronte a sgorgare, dinanzi ad amici e poliziotti, nelle questure e negli uffici giudiziari.
E poi d’un calendario osè, con lo pseudonimo di «Patricia Brummel», datato 2004. Negli stessi anni rilasciava interviste nelle quali dichiarava d’aver trascorso una decina d’anni negli Usa.
Una vita piena di scossoni, insomma, quella di Patrizia d’Addario,. Fino al tentativo, immediatamente naufragato, d’entrare in politica con il Pdl. Alle ultime elezioni amministrative, candidata con la «Puglia prima di tutto», lista guidata dal ministro Raffaele Fitto, ha ricevuto appena sette voti. I suoi rapporti con la giustizia, molto spesso, l’hanno vista «parte offesa». Spesso minacciata o duramente percossa. Nelle carte giudiziarie, risalenti al biennio 2004 – 2006, viene registrata la sua attività da prostituta. Una relazione burrascosa, nella quale il suo lui la convinceva a prostituirsi in diversi alberghi, le procacciava i clienti mediante annunci pubblicati su un quotidiano locale e si faceva consegnare parte dei guadagni percepiti con il meretricio. Con l’aggravante di averla picchiata tutte le volte in cui, quest’ultima, manifestava il desiderio di tener per sè interi gli introiti.

coperfield patrizia daddarioTra le denunce a suo carico, figurerebbero anche una aggressione a pubblico ufficiale e addirittura un furto. Sfruttatore con il quale, nonostante la sua condanna, ha continuato ad avere rapporti fino a pochi mesi fa. Una sorta di odio-amore.
Un carattere imprevedibile e sanguigno, se è vero che nel dicembre 2006 è nuovamente interrogata in procura. Dopo aver inseguito l’ex convivente, con la propria auto, in autostrada, l’avrebbe spinto fuori dalla carreggiata. L’inseguimento si conclude con un tamponamento all’altezza di Bitonto.
Ma ancora nell’estate 2008, a quanto pare, i due si frequentavano.
Nel suo curriculum ci mette anche un anno di intensa collaborazione professionale (e forse, lascia intuire, anche di flirt amoroso) con il mago David Copperfield, conosciuto al congresso mondiale di prestidigitatori e illusionisti di Losanna. Il massimo per una che da bimba si nascondeva negli armadi «per giocare alla donna invisibile», che comprava i quaderni di Silvan «ma non per scriverci, per leggere i trucchi svelati sulla copertina».
pooh patrizia d'addario aka brummelA quel galà lei c’era andata con il mago Oronzo. Racconta Patrizia D’Addario nell’intervista del 2004: «Copperfield mi chiese di trasferirmi con lui a Los Angeles. Se sono stata la sua amante? La verità è un segreto che condivido con lui».
In Italia la si incontra alle serate mondane.
Pare essere una fobia di farsi filmare e posare con gente VIP.
Una foto con i Pooh, oppure, vestita di rosso fiammante, accanto a Vittorio Sgarbi che scava nei ricordi:
"Il nome mi dice sicuramente qualcosa, del resto io le sventole le ho conosciute tutte, forse l’ho persino corteggiata, forse c’è stato anche altro. vittorio sgarbi patrizia d'addario escort Chissà, magari è una bella ragazza meridionale che si è sentita frustrata e allora ha raccontato certe cose. Per quanto io resto convinto che avere ragazze piacenti intorno faccia bene alla salute, anche a quella di Berlusconi. Che fa benissimo a circondarsene, ma poi non se ne deve mica vergognare"...


FOTO CALENDARIO, BIOGRAFIA E INTERVISTA di PATRIZIA D'ADDARIO aka BRUMMEL la top escort barese tra Palazzo Grazioli e Villa Certosa

1 comment:

HANNA said...

RACCONTA BARBARA MONTEREALE:
...." E Patrizia? ''Avevamo rapporti freddi dopo Dubai. Ce l'aveva con Berlusconi. Gliel'aveva giurata. Gia' quella mattina di novembre disse: ha promesso che mi aiutera' per un cantiere, se non mantiene la parola lo rovino. Voleva incastrarlo fin da subito''. Ma Barbara sapeva che la D'Addario aveva registrato? ''Mi aveva detto che aveva delle prove. Tutti i giorni chiamava per lamentarsi che Berlusconi non si era ancora fatto sentire. Mi teneva al telefono fino alle 2 di notte. Martellava anche Tarantini''.

''A Dubai -prosegue Barbara al ''Giornale''- ando' via di testa perche' a Palazzo Grazioli volevano me e si erano dimenticati delle sue faccende. Richiamo' quando e' scoppiato il caso di Noemi. Patrizia disse cosi': e' il nostro momento, gliela faccio pagare e diventiamo famose come lei. Ma io non volevo diventare famosa assieme a un'escort in cerca di vendetta. Lei mi chiese di confermare che era stata a letto con Berlusconi. Ma io non posso confermarlo, non so se sia successo, lo dice lei. Io non c'ero''....