hanna artehanna bionda foto bianco-nero

Tutti abbiamo il nostro negativo, delle zone d'ombra, o visioni speculari e parliamo d'amore, là, dove io muoio.


Thursday, December 10, 2009

Discorso di Obama dopo il Premio Nobel a Oslo, youtube

Da oggi il nome di Barack Obama si aggiungerà alla lista che include tra gli altri Nelson Mandela, Michail Gorbaciov, Aung San Suu Kyi e Martin Luther King. "Accetto questo premio come una chiamata ad agire perché tutte le nazioni affrontino le sfide del 21simo secolo" - ha detto Obama dopo aver saputo dell'onorificenza attribuitagli.
Questo è il suo discorso trascritto:
Oslo City Hall
Oslo, Norway
Vostre Maestà, Vostre Altezze Reali, Illustri membri del Comitato norvegese del Nobel, americani e cittadini del mondo:
Ricevo questo onore con profonda gratitudine e grande umiltà. Questo è il premio che parla delle nostre maggiori aspirazioni, che non siamo meri prigionieri del destino nonostante tutta la crudeltà e le ingiustizie del nostro mondo. Le nostre azioni hanno importanza e possono piegare la storia nella direzione della giustizia.
Tuttavia sarei negligente se non prendessi consapevolmente atto della controversia che la vostra generosa decisione ha innescato (ride) In parte ciò dipende dal fatto che sono all'inizio, non alla fine, delle mie fatiche sullo scenario internazionale. Rispetto ad alcuni dei giganti della storia che hanno ricevuto questo premio - Schweitzer e King; Marshall e Mandela – i miei conseguimenti sono minimi. E poi ci sono naturalmente uomini e donne di tutto il mondo imprigionati e picchiati mentre cercano giustizia, coloro che lavorano e tribolano nelle organizzazioni umanitarie per alleviare le pene di quanti soffrono; e milioni di altri uomini senza identità le cui coraggiose e compassionevoli azioni senza clamore ispirano anche i più induriti cinici.
Non posso ribattere a coloro che considerano questi uomini e queste donne – alcuni conosciuti, altri ignoti a tutti tranne che a coloro che essi aiutano – più meritevoli di me a ricevere questo premio.

Forse, però, la questione più controversa che riguarda il conferimento di questo premio proprio a me è che io sono Comandante in Capo di una nazione impegnata in ben due guerre. Una di queste guerre sta per volgere al termine. L'altra è un conflitto che l'America non ha voluto: un conflitto nel quale a noi si sono uniti altri 43 Paesi – Norvegia inclusa – nel tentativo di difendere la nostra nazione e tutte le altre da ulteriori attentati.
Malgrado tutto, siamo in guerra e io sono responsabile del dispiegamento di migliaia di giovani americani, incaricati di combattere in una terra lontana. Alcuni di loro uccideranno. Altri saranno uccisi. Pertanto sono qui, oggi, con una consapevolezza precisa di ciò che implica un conflitto armato – e sono pieno di domande e di interrogativi difficili sul rapporto tra guerra e pace, e sui nostri tentativi miranti a sostituire la prima con la seconda.
Questi interrogativi non sono nuovi. La guerra, in una forma o in un'altra, ha fatto la propria comparsa sulla Terra insieme al primo uomo. Agli albori della Storia la sua moralità non fu messa in discussione: era un semplice dato di fatto, come la siccità, o la malattia. Era soltanto il modo col quale le tribù e poi le varie civiltà perseguivano il potere, era un modo per dirimere le loro divergenze.

Col passare del tempo, a mano a mano che i gruppi hanno cercato di tenere a freno la violenza con codici e leggi, anche filosofi, uomini di fede e statisti hanno fatto il possibile per regolamentare il potere distruttivo della guerra. È così andato affermandosi il concetto di "guerra giusta", un concetto che suggeriva che la guerra fosse giustificabile soltanto quando rispettava alcuni requisiti: se a essa si ricorreva in ultima istanza o per difendersi, se la forza utilizzata era proporzionale e se – ogniqualvolta era possibile – i civili erano risparmiati dalle violenze.

Per buona parte della Storia questo concetto di guerra giusta è stato osservato assai di rado. La capacità degli esseri umani di escogitare nuovi modi per uccidersi tra loro si è rivelata inesauribile, come pure la nostra capacità di escludere da qualsiasi gesto di pietà coloro che sembravano diversi o pregavano un Dio diverso. Le guerre tra eserciti hanno lasciato il posto alle guerre tra nazioni: guerre totali nelle quali la distinzione tra combattenti e civili è andata sempre più sfumando. Nell'arco di soli trenta anni, per ben due volte massacri simili hanno sconvolto questo continente. E se è difficile immaginare una causa più giusta di quella che ambiva a sconfiggere il Terzo Reich e le potenze dell'Asse, la seconda guerra mondiale è stata un conflitto nel quale il numero dei civili morti ha superato di gran lunga quello dei soldati morti.
Nella scia di una simile devastazione, con l'avvento dell'èra nucleare, è diventato chiaro a vincitori e vinti in egual misura che il mondo necessitava di istituzioni apposite per scongiurare il rischio di un'altra guerra mondiale. E così, un quarto di secolo dopo che il Senato degli Stati Uniti aveva respinto l'idea di una Lega delle Nazioni – idea per la quale Woodrow Wilson ricevette questo stesso premio – l'America guidò il mondo nella realizzazione di un piano e un'istituzione in grado di mantenere la pace: il Piano Marshall e le Nazioni Unite, meccanismi che hanno il controllo su come si combattono le guerre, trattati che tutelano i diritti umani, evitano i genocidi, pongono limiti e vincoli alle nostre armi più devastanti.
Per molti aspetti tutti questi sforzi sono stati coronati da successo. Sì, si sono combattute guerre terribili ed enormi atrocità sono state perpetrate. Ma una terza guerra mondiale non c'è stata. La Guerra fredda si è conclusa con una folla di persone raggianti che hanno abbattuto un muro. I commerci hanno contribuito moltissimo a tessere rapporti tra buona parte della popolazione mondiale. Miliardi di persone sono riuscite a uscire dalla povertà. Gli ideali di libertà, autodeterminazione, eguaglianza e legalità hanno fatto progressi e indotto a compiere enormi balzi in avanti. Noi siamo gli eredi della lungimiranza e della tenacia delle generazioni passate, e questo è un lascito di cui il mio stesso Paese va giustamente orgoglioso.

Oggi, a dieci anni di distanza dall'inizio di un nuovo secolo, queste vecchie strutture vacillano sotto il peso di nuove minacce. Probabilmente oggi il mondo non rabbrividisce più alla prospettiva di una guerra tra due superpotenze nucleari, ma la proliferazione aumenta i rischi di una catastrofe di proporzioni globali. Il terrorismo è una tattica in uso da tempo, ma la tecnologia moderna consente a pochi uomini in preda a una collera smisurata di massacrare innocenti in numero spaventoso.

Oltretutto, le guerre tra nazioni hanno sempre più spesso ceduto il passo a conflitti interni alle nazioni: il riapparire di conflitti etnici o di natura settaria, l'esponenziale aumento dei movimenti secessionisti, di guerriglie e stati falliti hanno vieppiù attanagliato le popolazioni civili in un caos senza fine. Nelle guerre odierne, si uccidono ormai molti più civili che soldati e così facendo si piantano i semi dei conflitti futuri, le economie si sgretolano, le società civili sono lacerate nel profondo, i profughi e gli sfollati aumentano a dismisura, i bambini sono segnati per sempre....<sto finendo di trascrivere....)



1 comment:

Anonymous said...

Good day !.
You re, I guess , perhaps very interested to know how one can manage to receive high yields .
There is no initial capital needed You may commense to get income with as small sum of money as 20-100 dollars.

AimTrust is what you need
The company represents an offshore structure with advanced asset management technologies in production and delivery of pipes for oil and gas.

Its head office is in Panama with offices around the world.
Do you want to become an affluent person?
That`s your chance That`s what you really need!

I`m happy and lucky, I started to get income with the help of this company,
and I invite you to do the same. It`s all about how to choose a proper companion utilizes your savings in a right way - that`s AimTrust!.
I take now up to 2G every day, and what I started with was a funny sum of 500 bucks!
It`s easy to get involved , just click this link http://hybatyriwo.freewebsitehosting.com/cacado.html
and go! Let`s take our chance together to become rich